aglio.jpg
visualaglio1.jpg
visualaglio4.jpg
visualaglio5.jpg

L’aglio e lo spiraglio

Cibology

Mercoledì, 18 Maggio 2011 - 14:18

aglio-fiore.jpg

L’aglio non è un moderato. Non è rassicurante. Spiazza e mette in gioco tutti i sapori che incontra. Eppure ha una forma gentile e genera un fiore elegante. Ma non è un moderato. Non è mediocre. Non è volgare. Non scende a compromessi. Ha un sapore progressista che mette in moto percezioni gustative volte a cambiare gli equilibri di un piatto verso un progetto più complesso di gusto.

Ma l’aglio ha dei detrattori. Perché il suo sapore è incompatibile con l’ipocrisia. Quando c’è si sente. Hanno cercato di attribuirgli colpe che non ha, gettando fango sulla presenza terroristica in cucina. Hanno cercato di attaccarlo per la presunta ostilità ai rapporti sociali. Perché puzza. Perchè non è bello.

Nonostante questo l’aglio ha convinto. La scienza ci spiega che fa bene al cuore, ed è vero. Ma è soprattutto il suo contenuto deciso racchiuso in una forma gentile a piacere in tempi di esaltatori artificiali di sapidità. Io voto aglio. E credo che si sia aperto in cucina uno spiraglio di cambiamento per una tavola più attenta ai contenuti. Più coraggiosa e meno ipocrita. Perché il carattere dà la forma e la forma è carattere. Forza aglio!

P.S. Votereste mai un uomo che non ama l’aglio?

Testi e disegni di Gianluca Biscalchin

Cibology credits 2011 – testi & disegni © Gianluca Biscalchin

Fonte:
http://cibology.wordpress.com/2011/05/18/laglio-e-lo-spiraglio/

Si ringrazia l'autore

Condividi

Facebook
Twitter
Email
Consorzio di tutela Aglio bianco polesano DOP | Piazza Garibaldi, 6 | 45100 ROVIGO Italia | email: consorzioagliobiancopolesano@legalmail.it